Rodi Garganico accoglie il nostro bel gruppo di blogger con tutto il calore del sud, anche se arriviamo alla spicciolata dalle rispettive città d’origine a nordest, in Toscana, a Roma e nella stessa Puglia. Così ci troviamo nella sala ristorante dell’hotel Borgomarina di Rodi Garganico, che ci ospita, nella tarda serata di giovedì; siamo stanchi ma ancor più siamo curiosi di conoscerci oltre ai precedenti incontri, e desiderosi di iniziare al più presto a conoscere il Gargano. Dall’hotel si raggiunge in pochi passi la vicina spiaggia, bella e pulita. Rodi vanta il riconoscimento di Bandiera blu per l’elevata qualità delle acque di balneazione, ed è l’unica località del Gargano a potersene fregiare.

IMG_5199

Il primo contatto con la cultura locale avviene a tavola, con un’ottima cena a base di pesce ricca dei piatti della tradizione: i tanti antipasti sfiziosi, i primi ricchi e un secondo delicato ma gustoso.

Io e Cristina arriviamo in tarda serata dopo avere percorso oltre 600 chilometri, prima di cena c’è stata per i nostri amici e gli altri ospiti dell’hotel l’esibizione di balli popolari, soprattutto la tarantella, da non confondersi con la pizzica che è tipicamente il ballo salentino.

IMG_5201

Facciamo il giro della città a metà del nostro soggiorno ma desidero raccontare subito ciò che ci ha mostrato la famiglia Delle Fave, proprietaria dell’hotel, e soprattutto Leo e Laura, padre e figlia bravissimi e gentilissimi. Lavorando insieme riescono oggi a portare avanti la tradizione dell’ospitalità a tre e quattro stelle declinata a Rodi Garganico con l’hotel Borgomarina, a San Menaio con l’hotel Garden e a Lucera con l’hotel Palace.

IMG_5198

Le nostre stanze hanno una bella vista sul mare, anche se la vista più bella si ha dalla terrazza panoramica. Fuori dal centro, Rodi è tutta un giardino dove non si coltivano solo l’ulivo e la vite, ma specialmente i pregiatissimi agrumi tardivi, che infatti maturano da marzo in poi.

IMG_5202

Le colture agrumicole erano un tempo il vanto dell’agricoltura locale i cui prodotti, limoni e arance, erano esportati anche in Paesi lontani: via terra in Russia, via mare in America. Limone femminello ed arancia bionda del Gargano, entrambi IGP. L’altra sponda dell’Adriatico è stata però per secoli lo sbocco principale delle esportazioni dal Gargano, molti rodiensi sono di origine istriana. Le navi, dette trabaccoli, partivano da qui cariche di agrumi e altri prodotti agricoli, e tornavano con legnami e pietre da costruzione.

IMG_5215

Oggi, dopo una lunga crisi, gli agrumi stanno riprendendo quota tra le fonti di ricchezza e sono diventati presidio Slowfood. L’altra attività tradizionale dei rodiensi è la pesca, che oggi si ricorda nel rione del vuccolo, ovvero il grido delle donne che così richiamavano a casa i mariti usciti per pescare.

IMG_5209

Il piccolo centro storico vive attorno a una bella piazza con piccoli esercizi commerciali, attorno alla quale si trovano antiche testimonianze della storia locale.

IMG_5211

IMG_5213

Passeggiando vediamo le chiese di Rodi tra cui le più importanti sono: la chiesa del  Crocefisso, San Nicola di Mira, il santuario di Santa Maria della Libera con la caratteristica cupola verde.

IMG_5204

IMG_5207

Dal convento dei Cappuccini a strapiombo sul mare si vedono i giardini sottostanti, il trabucco e, nelle giornate più limpide, si gode di uno splendido tramonto con una lunghissima visuale che spazia sulla costa croata ad est e le alte vette della Maiella a nord.

IMG_5218

IMG_5219

Le chiese furono costruite tra il Seicento e il Settecento, la stessa epoca degli edifici del centro, antichi palazzi e vecchie case che si intrecciano in un dedalo di stradine lastricate e scalinate, sui quali i balconi fioriti gettano un tocco di colore e mille profumi.

IMG_5205

IMG_5206

IMG_5224

Anche i comignoli hanno una forma caratteristica.

IMG_5225

Rodi è davvero una bella cittadina, che nelle tiepide sere di inizio estate è sempre affollata di persone e piena di vita.

Forse fondata dai Greci, sicuramente passata sotto i Romani, Rodi Garganico vide poi le dominazioni o le scorribande dei Goti e dei Saraceni prima del periodo di Federico II di Svevia, che ha plasmato questa regione lasciandoci tanti tesori architettonici. E poi vennero i Veneziani (!!!), gli Aragonesi, i Francesi e i Turchi.

Rodi è una porta d’ingresso privilegiata per visitare il Parco Nazionale del Gargano e tutta la Puglia, vi si arriva facilmente da varie direttrici per poi proseguire le visite delle località di mare, o dell’interno. Dal porto si possono anche raggiungere le Isole Tremiti in traghetto. Lido del Sole è la spiaggia a nord del centro, verso il Lago di Varano che con il vicino Lago di Lesina è un particolare esempio di lago costiero e un ambiente davvero speciale, stretto tra terra e mare, tra acque dolci e acque salate, dove infatti crescono e sono pescate le preziose anguille. San Menaio e Peschici sono invece le prime località che succedono a Rodi, per chi viaggia verso sud.

Ti è piaciuto questo post? Allora leggi anche gli altri, li trovi qui…

Gargano Mare Tour, Giugno 2013

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *