Tra venti giorni tornerò felicemente a Santorini, non vedo l’ora. Sole, mare, cultura, passeggiate, un po’ di vita notturna e l’ottima cucina cicladica accompagnata dai vini locali. Tzatziki, però, è la parola che più collego alla Grecia: lo tzatziki è la Grecia. Dopo innumerevoli richieste eccovi la ricetta, una variante tutta mia che differisce dalle ricette originali trovate in rete sia per la preparazione, più semplice e povera, sia per l’utilizzo. Io lo mangio a colazione o come antipasto, oppure lo uso per condire l’inalata o lo accompagno a un crostino di pane. Voi come lo mangiate? Datemi un feedback per favore. E se vi servono le foto, provvederò.

cucumbers

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

Due cetrioli medi

Due – tre spicchi d’aglio fresco

500 grammi di yogurt intero naturale, meglio (ma non necessariamente) yogurt greco. NO zucchero o altre cose oggi tanto di moda.

Sale grosso

Menta secca (o menta fresca, ma viene meno aromatico o dovrete metterne un po’ di più).

Per insaporirlo, a fine preparazione potete guarnire con (in alternativa): aneto, tabasco, olio, aceto o succo di limone, foglie di menta fresca.

Attrezzature di cucina: un coltello, un cucchiaio di legno, una ciotola grossa possibilmente di ceramica.

STAGIONALITA’ da aprile a ottobre.

PREPARAZIONE – PRIMA PARTE

Lavate i cetrioli e sbucciateli.

Tagliateli per il lungo in 4 – 6 listarelle e poi di traverso in modo da produrre tocchetti di max un centimetro di lato.

Metteteli in una ciotola grande e spolverateli con almeno un cucchiaio raso di sale grosso.

Mescolate A MANO, coprite e lasciate riposare al fresco per 1-2 ore.

SECONDA PARTE

Scolate l’acqua in eccesso che sarà fuoriuscita dalla polpa dei cetrioli.

Versate lo yogurt sulla ciotola con i cetrioli e mescolate.

Sbucciate l’aglio, tagliatelo a cubetti più piccoli possibile o passatelo nel mortaio, versatelo sulla ciotola mescolando col cucchiaio di legno.

Infine spolverate con la menta secca, mescolate fino a rendere il tutto un ammasso omogeneo e mettetelo in frigorifero.

NOTE

Il gusto migliore dello tzatziki è 1-2 giorni dopo la preparazione, quando l’emulsione e gli aromi sono ottimali.

PERCHE’…

Il sale grosso : il sale grosso deve favorire lo spurgo dell’acqua dalla polpa, la componente principale del cetriolo, senza penetrarvi. Il sale fino invece entra nella polpa e fa uscire meno acqua, rendendo più salato il prodotto finito.

Il cetriolo sbucciato: è molto più digeribile del cetriolo intero, provate la differenza.

Il cucchiaio di legno e meno contatti possibile con posate di metallo: favoriscono l’ossidazione del frutto e la possibile insorgenza di aromi sgraditi.

BUON APPETITO E… FATEMI SAPERE!

ZIA ROBI

Inoltre vi consiglio di leggere...

3 comments

Rispondi

Miticoooo! Amo la cucina greca, il mare greco, i reperti greci, andare in Grecia….

Rispondi

cara ora provalo e… dimmi tutto! a preso baci ma organizziamo con le ragazze!! la biennale altre gite ecc ecc

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *