C’è un motivo preciso per guardare l’orologio, è una sorpresa che voglio fare a me, che ancora non ci sono stata, ma soprattutto al gruppo a cui prometto di mostrare un tramonto speciale, anche se non ho idea di cosa questo significhi. Risaliamo trafelati la falesia rossa…

20130808_182815

poi giù per il sentiero e la strada, prendiamo al volo il bus delle 18,30 da Akrotyri e scendiamo all’angolo di Pyrgos, un villaggio arroccato in cima a una collina sulla nostra destra. Quanta strada dobbiamo fare, svelti svelti che arriva il tramonto! Chiedo al benzinaio comunista se Franco’s è lassù: sì certo in cima alla collina, saranno dieci minuti a piedi.

20130808_191937

Sulla direzione mi fido, sui tempi no, ma questo tipo mi è simpatico perché porta un cappellino rosso con la visiera e l’immagine nera di Che Guevara, proprio come la mia bandana che viene da Cuba. Sorrido, proseguiamo.

20130808_191635

20130808_191915

Lo stradone costeggia i vigneti bassi che danno l’Assyrtiko e gli altri pregiati vini di Santorini.

20130808_191924

All’ingresso del villaggio vi sono case moderne e alcuni locali, poi delle larghe scalinate sulla sinistra che tra vecchie case salgono verso il castello, una fortezza veneziana del XVIII secolo. Il colore è il senso dominante in questo momento, in un luogo magico dove non siamo soli ma c’è uno straordinario silenzio.

20130808_193058

Vi sono già le tonalità pazzesche del tramonto, quelle pennellate di luce che accendono gli edifici: casette, giardini, chiese.

20130808_193308 20130808_193712

Li osserviamo emozionati mentre saliamo ai vicoli più alti, praticamente un labirinto dove siamo rapiti dalla Bellezza. La chiesetta dove facciamo una tappa rompe il nostro silenzio: sostiamo in un piccolo sagrato per scattare foto, sovrastati da tante bandierine colorate mentre ascoltiamo la messa cantata che si svolge al suo interno. Sono così emozionata che non vorrei muovermi, chi è entrato ha detto che un grosso prete con una tonaca scura sta predicando a pochi fedeli, voltando loro le spalle secondo il rito ortodosso, immagino. Roberta, ma in che posto ci hai portato? Qui è pazzesco!

20130808_193558

20130808_193747

Un po’ me l’aspettavo ma siamo oltre l’immaginabile, e non è finito.

20130808_194234

Con un ultimo scatto siamo in un altro sagrato di un’altra chiesa, dove frecce rassicuranti ci conducono infine al Franco’s café.

20130808_194618 20130808_194709

20130808_202638

Siamo nuovamente rapiti da un suono: le note di musica classica che faranno da sottofondo al nostro aperitivo.

20130808_203510 20130808_203310

Prendiamo posto nei divanetti in seconda fila, la prima è affollata di coppiette che osservano il calar del sole oltre la vetrata protettiva. Il gusto per la bellezza qui è esercitato alla perfezione, si può stare comodamente seduti sorseggiando un drink, o proseguire oltre un muretto per appoggiarsi alle calde pareti della fortezza, belle da guardare e da toccare.

20130808_201835 20130808_201910

Lo sguardo spazia libero tra mura, tetti, edifici sino al mare e alla caldera, sulla quale si sta posando una grossa palla rossa

20130808_201656 20130808_201825 20130808_201851

Parentesi: 1 – la batteria del cellulare ovviamente finisce appena arrivo quassù, come faccio a fotografare? Il cameriere, gentilissimo, mi mette a disposizione una comoda presa di corrente e sorveglia il mio apparecchio per il tempo necessario a rianimarlo. 2 – gli unici che fanno casino siamo noi, molti partecipanti si comportano come fossimo in un normale locale per happy hour e nell’aria risuonano solo le loro voci, ho un bel dire Sshhh!!! Pare non lo capiscano, peccato perché un po’ ci perdiamo la poesia e disturbiamo gli altri avventori.

pyrgos0808_1

Alla fine il rito si consuma in pochi minuti, ognuno di noi è preso dai suoi pensieri che fluiscono liberamente. Ci guardiamo felici tra un brindisi e l’altro, la felicità è un attimo ma quando è condivisa è ancora meglio.

IMG_0264 IMG_0265

Il suono di un violino ci ha accompagnato in questi minuti, ora però abbiamo fame e se ci muoviamo verso Thira facciamo tardi. Provo a sfoderare una parola chiave che ha già avuto successo… Gyros. Da happy hour a happy gyros il passo è breve: mentre scendiamo, ancora ammaliati dallo spettacolo cui abbiamo assistito, chiedo di una gyroteca.

20130808_221624

Taberna Mythos è il nome evocativo di questo locale semplice, sullo stradone, che ci sazia con ottimi gyros col gusto di mangiare con le mani.

20130808_221731

Abbiamo ripreso vigore e chiacchieriamo animatamente. Mi aspetto che gli irriducibili vogliano fermarsi a Thira per andare in discoteca ma oggi va diversamente. Tra antipasti, gyros e frutta viene quasi mezzanotte e dobbiamo trovare la strada di casa. I bus per Thira passerebbero ogni 20 minuti, uno ci passa sotto il naso e dobbiamo aspettarne un altro al buio sulla strada. Per ingannare il tempo giochiamo a un due tre stella, se non arriva un bus siamo fregati. Cerco il numero dei taxi bus che abbiamo già usato, non rispondono. Ecco il bus!

Tra questa tratta e la seguente sino a Oia rientriamo dopo l’una, che stanchezza! Ma che bellissima giornata!!

Ti è piaciuto questo post? Allora leggi anche gli altri, li trovi qui

http://www.gamberettarossa.it/reportag/italia-europa/avventure-santorini-express-il-mio-grosso-grasso-gruppo-greco/

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *