Leonardo da Vinci è l’oggetto dell’invasione della sua città natale, in compagnia nientepopodimento degli Igers, gruppone di Instagram gasatissimi per le foto da condividere in tempo reale. Gamberettarossa presente, solo che il cellu si spegne poco dopo il mio arrivo e non vuole più essere rianimato. Due foto e via, non male per un evento che doveva mostrare le terre di Leonardo “il Genio” a partire dalle immagini. Me le forniranno le amichette, grazie!

20140425_131208

Amo la Toscana, ci si sta proprio bene e qui ancora meglio, poco lontani dal trambusto delle città d’arte e dagli ipertrofici, iperturistici borghi del Chianti.

Il Museo Leonardiano e la casa natale di Leonardo sono i principali siti che visiteremo, ma è interessante anche la passeggiata nel centro storico, il sicomoro e soprattutto il paesaggio in cui tutte queste bellezze sono incastonate.

Parto al mattino presto da Milano, in auto con due amiche e il cane Piccolo, dovremmo arrivare giuste per l’inizio delle visite ma il traffico sull’autostrada è pazzesco, con code ovunque tanto che facciamo sulla statale l’ultimo tratto da Barberino a Firenze, per poi infrattarci verso le colline e sbagliare il passaggio per Prato con perdita di tempo, in perfetto stile zingarate.

Al nostro arrivo saliamo subito alla casa di Leonardo, ci registriamo come invasori e assistiamo alle “presentazioni fra cani” tenerissime, è primavera anche per loro! C’è pure un cavallo con cavaliere, invasore pure lui.

IMG-20140425-WA0016 IMG-20140425-WA0017 IMG-20140425-WA0019

20140425_124829

La casa di Leonardo è in splendida posizione sopra una collina ma non mi piace, ha una buona documentazione sul Maestro, ma è soprattutto virtuale, mentre mobili e arredi originari sono quasi del tutto assenti.

20140425_131727 20140425_131239 20140425_131114

La consiglio soprattutto per godersi il luogo. Io pensavo a qualcosa in stile Stratford, dove la casa natale di Shakespeare perfettamente conservata è un tripudio di oggetti storici, ma pazienza.

20140425_125028 20140425_124957

Lì vicino abbiamo una convenzione per un pranzetto “presso” lo storico sicomoro ultracentenario. Con 10 euro ci possiamo abbuffare a un buffet ricchissimo, prendendo a parte vino dolci e caffè.

20140425_134627

Arrivando ancora un po’ sballottate dal viaggio pare che non abbiamo fame ma poi tra crostini, torte salate e pasta fredda ci si apre la classica voragine, mangiamo di tutto, il cibo è ottimo, fresco, sedute sotto le fresche frasche dei tavolini all’aperto o, come faccio io, al sole. Piccolo, il nostro fedele compagno a quattro zampe, insegue sempre la cagnolina a cui ha già confessato il suo amore, lei forse ci starebbe ma i suoi padroni no, e tra un’abbaiata e l’altra riusciamo a calmarlo con un po’ di affettato.

20140425_142945 20140425_143005

Odo conversazioni di Igers che discutono sull’opportunità di usare il proprio nome o dei nick fuorvianti sui social, istruttivo. Sono molto più giovani di noi. Quando dovremmo tutti alzarci capiamo che noi 3+1 siamo sfasate rispetto al resto del gruppo. Al volo in auto andiamo a vedere il sicomoro, molto bello e in una zona stupendamente pastellata dai colori della primavera, e da migliaia di fiori selvatici.

20140425_134003 20140425_134028

IMG-20140425-WA0005 IMG-20140425-WA0009

Poi giù in centro a Vinci passeggiamo circondati da bancarelle che vendono di tutto un po’, mangiamo il gelato e ci accorgiamo che avremmo dovuto dedicarvi almeno un’oretta, più il tempo di visitare il bellissimo museo.

IMG-20140425-WA0023

IMG-20140425-WA0001 IMG-20140425-WA0004 IMG-20140425-WA0007 IMG-20140425-WA0008

Peccato, sarà per un’altra volta, a metà pomeriggio dobbiamo assolutamente dirigerci verso Firenze dove amici e parenti ci aspettano. Richiedo di rifare la strada a zigzag nelle colline, che però in effetti a questo punto ci fa perdere tempo e incappare in un bell’acquazzone pomeridiano, ma di breve durata e utile a rinfrescare l’aria. Firenze ci accoglie con il meglio di sé e tante cose da fare: bighellonare, vedere gente, fare cose (shopping per esempio). Sabato e domenica voleranno e poi torneremo a Milano, altra strada, altra coda. E una Invasione digitale compiuta.

HASHTAGS #leonardo, #davinciday, #invasionidigitali, #igerstoscana, #igersfirenze

Ti è piaciuto questo post? Allora leggi anche gli altri, li trovi qui

MARATONA DIGITALE 2014

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *