Salaam, pace, è molto più di una formula di cortesia per entrare in contatto con il mondo arabo, è il migliore saluto assieme a un sorriso e a una stretta di mano. Ma Salaam a Khartoum è anche il nome di una scommessa vinta, un progetto così folle sulla carta che non tutti ci credevano all’inizio, finché l’ospedale di Emergency ha preso forma e dal maggio del 2007 è un centro d’eccellenza per le cure cardiochirurgiche. Salaam si trova nella periferia sud est della capitale nel quartiere di Soba, oltre l’aeroporto. Opera e cura con successo tante persone affette da patologie cardiache, impiegando personale specializzato italiano ma anche operatori locali, per un totale di oltre 300 persone. I pazienti vengono dal Sudan ma anche dai paesi confinanti, per i quali il personale dedicato di Emergency effettua visite in loco e stabilisce la priorità dei pazienti e le cure da effettuare. In questi anni di attività Salaam, con l’eccellente livello dei servizi offerti, ha ottenuto la piena fiducia di pazienti e istituzioni, ben oltre i confini nazionali, nel pieno rispetto degli standard internazionali. La salute è un diritto e come tale dovrebbe essere garantita a tutti, invece le cure mediche e i servizi d’eccellenza, gratuiti, accessibili a tutti, sono un concetto che spesso oggi non si vorrebbe mettere in pratica nemmeno in Italia. Attualmente, oltre che nella capitale sudanese, Emergency è attiva con i tre centri pediatrici di Mayo, Nyala e Port Sudan. Questo fa onore all’organizzazione fondata nel 1994 da Gino Strada ed è un motivo d’orgoglio per i suoi numerosi sostenitori e per l’Italia intera.

Prima di partire informo l’associazione del nostro arrivo: alcuni gruppi semplicemente si presentano all’ingresso dell’ospedale di Khartoum, non c’è nulla di male ma è meglio che gli operatori sappiano se c’è un gruppo in visita, soprattutto è bene andarci nel pomeriggio quando le operazioni sono in gran parte terminate. Conosciamo e sosteniamo Emergency, è emozionante vedere il frutto di tanto lavoro, il valore scientifico e umano di quest’opera.

imm033

Gino Strada c’è ma non si vede, ci accoglie Eleonora, colei che presso il centro Salaam si occupa di logistica e selezione dei pazienti da ricoverare. Dopo una breve presentazione ci conduce per uffici, laboratori, sale operatorie e stanze di degenza dall’aspetto accogliente e armonico. Questo è davvero un luogo sereno, anche se è abitato da malati bisognosi di cure; pazienti e familiari ci salutano con un gesto della mano. Una bambina ci viene incontro, ha i capelli cortissimi, porta al braccio un paio di farfalline della flebo. Si trascina malferma sulle gambe, fa fatica a parlare, ha la faccia triste di chi sta soffrendo. Eleonora l’abbraccia e le chiede come sta. Lo scorso anno è stata operata al cuore, sembrava che tutto fosse andato bene ma ora ha dovuto tornare in ospedale, mi viene un nodo alla gola.

imm001_ns09 imm002_ns09

La sala d’accoglienza ora è quasi vuota, ma al mattino è affollata da tanti nuovi pazienti che vengono qui per farsi visitare. Camminando nel grande giardino fiorito non sembra nemmeno di stare in un ospedale, e capisco perché questo posto si chiama Salaam, Pace.

imm032

Mi colpisce in particolare il cubo bianco che è stato dedicato alla preghiera, senza immagini né richiami ad alcuna religione, in modo che ognuno vi possa entrare a pregare il suo dio.

imm034 imm035

Eleonora ci presenta al personale, sono tutti gentilissimi, ci facciamo foto con loro poi usciamo in silenzio, pensierosi ma orgogliosi di essere italiani. Evidentemente questo è un mondo a parte rispetto alle dinamiche delle cure mediche e della sanità, anche gli operatori umanitari che vivono e lavorano qui, per pochi anni o per tutta la vita, sanno di essere a loro modo fortunati.

imm037

Siamo entusiasti per questa visita, con il giusto preavviso ci si può organizzare per andare anche al centro pediatrico di Mayo, non molto distante. Salaam è circondato da terreno incolto e poche case. Di fronte all’ingresso c’è un baracchino dove ci fermiamo a bere un caffè e riordinare i pensieri, ognuno per sé.

Ti è piaciuto questo post? Allora leggi anche gli altri, li trovi qui:

http://www.gamberettarossa.it/reportag/africa/salaam-sudan/

Inoltre vi consiglio di leggere...

3 comments

Rispondi

stupendo blog, complimenti!!!! seguiremo con piacere le tue novità e i tuoi viaggi e chissà non ci si possa incontrare da qualche parte del mondo!!! passa a trovarci se ti va!! ciao 🙂 http://duecuorieunaciccions.wordpress.com/

Rispondi

Maciao grazie. Andrò a vedere. x caso state in Veneto pure voi ? Roberta Gamberettarossa

Rispondi

no noi siamo pugliesi!!! 😛

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *