Perché mi è piaciuta tanto? Perché mentre scrivo, a distanza di una settimana dalla nostra visita, ho metabolizzato quanto abbiamo visto. San Zenone è un posto sorprendente, una gemma nascosta attorniata da altre gemme, un luogo da scoprire e assaporare popolato da una comunità unita e non solo impegnata nel lavoro. Attività culturali, corsi di filosofia e incontri letterari spesso promosse dalla Proloco e dal Presidente Carlo De Domeneghi animano le serate ecelinensi.

20141026_120353

Che nome strano eh? Gli Ezzelini furono una dinastia forte di origine tedesca che da San Zenone cercò di espandersi in varie direzioni, Milano inclusa (!!!) tra i secoli XII e XIII. Dopo la drammatica fine nel 1260 essi hanno visto risorgere, se non un’eredità familiare, eredi ideali altrettanto forti. Oggi le gesta degli Ezzelini sono ricordate da uno zoccolo duro di appassionati, riuniti nella gloriosa Academia Sodalitas Ecelinorum. Da oltre 15 anni l’Academia ricorda la storia di San Zenone con esibizioni in costume dove partecipano oltre 400 figuranti di tutte le età, che partecipano a rievocazioni storiche, anche fuori regione.

20141026_102546 20141026_102427 20141026_102329 20141026_102517

Proprio alcuni di loro ci attendono per condurci nella visita: chi è armato di tutto punto, chi è elegantemente abbigliato…

20141026_095731 20141026_095748

Saliamo le pendici del colle Castellaro e assistiamo anche a una simulazione di combattimento medievale (l’Academia organizza corsi specifici legati al Medio Evo).

20141026_102540 20141026_102535 20141026_102340 20141026_102335

Ci sono la chiesa con una cripta in restauro, dicono che tra poco riaprirà e dev’essere bellissima. Il Santuario della Madonna del Monte, di forme ottocentesche, sorge sul sito della precedente chiesa del Quattrocento. Mi colpisce per il piccolo vuoto creato dal portico e il gioco sapiente dei colori, il rosso mattone delle pareti e il verde della cupola in rame, ossidata come nella migliore tradizione mitteleuropea. Mi fa sentire fuori dal tempo e, allo stesso tempo, mi mette in pace.

20141026_101039 20141026_101200 20141026_101250 20141026_101343 20141026_101449

Ci sono le fondamenta del Castello, vecchio di quasi 1000 anni, che fu costruito e fortificato da Ezzelino III da Romano per essere inespugnabile.

20141026_101001

Alberico da Romano, fratello di Ezzelino, nel 1259 dovette rifugiarsi al suo interno con la famiglia. C’erano i Guelfi e i Ghibellini all’epoca, Alberico era un uomo molto potente con un’influenza estesa in una buona parte del Veneto centrale ma le sue posizioni erano chiaramente contro lo Stato Pontificio. Vi rimase al sicuro per quasi un anno, poi un tradimento portò i nemici al suo interno, evento che segnò pochi mesi dopo la loro ingloriosa e tragica fine.

C’è la Torre degli Ezzelini dalla cui sommità si vede tutto nelle giornate più limpide: il Monte Grappa a nord e le guglie del campanile di San Marco a Venezia, a sud, con il riflesso del sole sulla laguna luccicante, uno spettacolo.

20141026_100022

20141026_102552

Saliamo facilmente in cima grazie alle scalette di legno moderne che, oltre ad agevolare il passo, illustrano la storia sanzenonese con comodi pannelli multilingue.

20141026_103057 20141026_103130 20141026_103343

20141026_103213 20141026_103057 20141026_102931 20141026_102908 20141026_102901 20141026_103047

I colori dominanti dovrebbero essere i tenui verdi, gialli e rossi dell’autunno, siamo a fine ottobre eppure c’è ancora un sole tiepido, siamo davvero fortunati. Mi impressionano i capannoni e le fabbriche a valle, quelli che hanno fatto arricchire in denaro i miei compaesani, ma che sicuramente li hanno inquinati e impoveriti dentro, facendo venir meno la solidarietà e il mutuo aiuto che sentivano in passato, rendendoli meno puri e più cinici gli uni verso gli altri.

20141026_095707 20141026_100411Le stesse ville del Palladio, come ha mostrato una recente puntata di Report, hanno insediamenti produttivi tutt’intorno, spesso a breve distanza, un fatto che a molti non piace. Anche questo è il prezzo da pagare allo sviluppo, forse.

Ti è piaciuto questo post? Allora leggi anche gli altri, li trovi qui:

Terre del Grappa, ottobre 2014

Inoltre vi consiglio di leggere...

1 Commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *