Asolo è bellissima, esteticamente bella di una bellezza inspiegabile, pulita, perfetta, elegante, nobile. Il suo fascino ha fatto innamorare non solo gli italiani, ma anche tanti stranieri che hanno eletto questo borgo come luogo di vacanza o di vita, da centinaia d’anni. Non per nulla è ricca di botteghe eleganti, ristoranti e trattorie, palazzi e ville, giardini curatissimi.

20141025_162031 20141025_161726

20141025_162959

Gli hotel si contano sulle dita di una mano ma comprendono un cinque stelle. Roba da ricchi insomma, ma vi sono anche BB in centro, agriturismo e affittacamere un po’ ovunque.

20141025_152908 20141025_152823

Asolo non ha nulla da invidiare ai borghi toscani che, agli occhi di tanti turisti, sembra abbiano solo loro le colline punteggiate di palazzi antichi, chiese, spazi verdi.

20141025_153737 20141025_153755 20141025_154421

Sarebbe da starci ore a passeggiare e alzare gli occhi a ogni passo in cerca di un balcone, un’insegna, un chiaroscuro prodotto dalla luce naturale del sole o, artificialmente, dall’uomo. In un paio d’ore la si gira a piedi poi si può scegliere di infilarsi in un edificio sacro o in una casa, un museo, una mostra.

20141025_152145 20141025_153102 20141025_153126 20141025_153145 20141025_153153 20141025_153340

Asolo però ha anche delle brutte ombre grigie, che ho visto a fine ottobre durante il tour Terre del Grappa. Un anno fa mi ci ero infilata in auto in una pausa di lavoro, a un orario non sospetto, accorgendomi che una volta salita fino in centro schivando i numerosi ciclisti e attendendo con pazienza il senso unico alternato con semafori, lassù in piazza avevo poco da girare, o mi infilavo in un park con le strisce blu o scendevo.

20141025_151930 20141025_152219 20141025_152726

Sono scesa. E mi son chiesta come si potesse visitare Asolo in pace. Ora l’ho scoperto. Asolo non si visita in pace, non c’è pace sulle strette strade né sotto i portici.

20141025_155344 20141025_155350 20141025_155618

Attraversare la strada, anche sulle strisce, è a rischio. Biciclette condotte da ciclisti impavidi non rallentano nemmeno se li preghi.

20141025_152018

Auto grosse e soprattutto SUV grossi insopportabili e inutili infestano ogni spazio, parcheggiando a cavolo anche quando vorrei fotografare, chessò, un’insegna o uno scorcio bello, facendo diventare brutta un’immagine che potrebbe esser bella.

20141025_161917 20141025_161930

Auto ovunque, parcheggi vicinissimi ai palazzi, insomma un inferno che però, agli abitanti, sta bene così.

20141025_151838

20141025_163058 20141025_163103 20141025_163111 20141025_163152

Altrimenti immagino che chiederebbero la chiusura del centro o almeno limitazioni d’accesso allo stesso. Fatemi sapere quando decideranno in questo senso, ci tornerò di corsa, lascerò la mia vecchia auto giù in parcheggio e salirò con la navetta.

20141025_163300

20141025_163329

Ma fatelo, non si può rovinare una città così bella per un così meschino vantaggio! Alla faccia dei riconoscimenti: Borghi più belli d’Italia, Bandiera arancione, Città slow, di cui Asolo gode. Fine dello sfogo.

20141025_154913 20141025_155344 20141025_155350 20141025_155507
20141025_160003

Asolo in grigio dunque: ma Asolo è anche una città in rosa, perché ha accolto tra le sue braccia tre grandi donne. Ci sono passati grandi uomini, soprattutto di lettere e arti (Browning, Bembo, D’Annunzio) ma soprattutto grandi donne: in ordine d’apparizione Caterina Cornaro, Eleonora Duse e la più grande, una delle mie viaggiatrici e scrittrici preferite, Freya Stark, che ad Asolo hanno passato molto tempo e/o gli ultimi anni di vita. Le loro case sono oggi poco accessibili in quanto appartengono alla famiglia o a privati che le aprono di rado, ma quando guardo le facciate degli edifici con le insegne dedicate mi emoziono.

La prima, Caterina Cornaro, venne qui in esilio anche se era regina di Cipro, ci ha lasciato il castello da cui si domina il resto del paese, di quasi 10.000 abitanti, e la valle.

20141025_155944 20141025_160003 20141025_160057 20141025_160103

All’epoca (fine del Quattrocento) Venezia si rendeva conto che stavano venendo meno le dinamiche per le quali era diventata una potenza europea, con possedimenti estesi a est e una forte influenza in Medio Oriente e Asia. Con la scoperta dell’America di lì a poco il ruolo della Serenissima nello scacchiere europeo sarebbe stato ribaltato, e sarebbe sorta la necessità di una più stretta collaborazione con la terraferma, una madre terra sino a quel momento quasi ignorata.

Eleonora Duse sapeva che ad Asolo avrebbe trovato la pace, necessaria per una grande donna che calcava le scene dei maggiori teatri circondata dalla gente incluso il grande Gabriele D’Annunzio.

20141025_155618

20141025_162315 20141025_162421 20141025_162426

Ma perché preferisco Freya Stark? Lei è sempre stata un modello di donna viaggiatrice per me, in primis perché la sua lunghissima vita si è svolta tra grandi emozioni e guai enormi.

20141025_153317 20141025_153403 20141025_153425 20141025_153705 20141025_153737

In cent’anni tondi tondi, vissuti a volte sull’orlo di un precipizio, ha saputo valorizzare la sua grande forza, superando i problemi (personali e di salute) che aveva con regolarità. Per essere lasciata in pace dalla famiglia a un certo punto inventò un amore inesistente e si sposò con un uomo dal quale però sapeva di essere legata solo per convenienza. Lei era una donna libera, lui era gay. Felici e contenti si sposarono e proseguirono, perseguendo le rispettive passioni. Otto anni fa, di ritorno da un memorabile viaggio nello Yemen dove ora non ci è più permesso di andare, io divorai il suo libro. Le porte dell’Arabia tradotto in italiano era meno avvincente dell’originale The southern gates of Arabia. Ma sorridevo e annuivo a ogni pagina, per la freschezza della narrazione e l’attualità dei concetti espressi da una grandissima viaggiatrice, che annotava le sue impressioni e le riportava su carta dopo ogni viaggio. Altro che noi blogger che oggi cerchiamo info su google prima di partire e poi, in viaggio, andiamo in cerca di immagini da immortalare con lo smartphone e condividere via wifi asap, possibilmente in tempo reale. Ah dove sarà finito il fascino dei bei tempi andati?? ad Asolo un po’ di quel fascino rimane, mi auguro solo che la città sia resa più vivibile, per il bene di tutti.

Vaghe stelle dell’Orsa. Il viaggio sentimentale di Freya Stark, sarà in mostra ad Asolo fino al 23 novembre prossimo. Anche una mostra sulla Russia nella Grande Guerra mi intrigava parecchio, ma non sono riuscita a vedere nessuna delle due. Chi può le veda e poi me le racconti, grazie.

20141025_162049

La rivista TCI di novembre dedica ad Asolo un articolo bello e completo. Buona lettura!

Ti è piaciuto questo post? Allora leggi anche gli altri, li trovi qui:

http://www.gamberettarossa.it/in-tour-blog-educ-press/terre-del-grappa

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *