Rita Ceccarelli è la guida che mi ha portato ben due volte per mano alla scoperta di Siena, è un angelo custode con una chioma rossa invidiabile che incornicia due occhioni chiari e un sorriso gentile. Ma è tosta e vera come i Toscani migliori, quelli che ti danno il cuore ma non le mandano a dire a nessuno.

20131108_111028 Rita è presidente AGT, Associazione Guide Turistiche di Siena e provincia, le ho chiesto di descrivere la sua città con l’occhio della guida alla luce della sua esperienza. La frase che più mi ha colpito è una sintesi del ruolo del turista rapportato ai luoghi che va a visitare, un punto di vista su cui dovremmo riflettere. “I turisti sono cittadini temporanei, non semplici consumatori o clienti”. Ma Rita mi ha raccontato molto di più.

1 Da dove vengono gli ospiti in visita alla vs città? Sono più italiani o stranieri?

La maggior parte dei turisti sono stranieri. Questa è la risposta a corto, poi esaminando i diversi periodi si potrebbero fare molte distinzioni. Ad esempio gli italiani crescono vertiginosamente nei periodi primaverili, nei week-end, per i ponti e nel periodo natalizio, mentre gli studenti italiani si concentrano principalmente nei mesi di aprile e quelli stranieri vengono in tutte le stagioni. Attualmente crescono gli individuali sia italiani che stranieri, segno che i viaggi si organizzano spesso “fai da te” e last-minute

2 Sono più facili da gestire gli ospiti informati? O è meglio prendere per mano persone che arrivano e sanno poco del luogo in cui si trovano?

Gli ospiti informati danno più soddisfazione e quindi si gestiscono meglio, tranne quando “credono” di essere informati e si formano dei preconcetti.

20131108_111135

3 Ci sono due – tre aneddoti successi durante una visita che avete voglia di raccontare?

Certo, ci sono le domande buffe (ma dove lo cavate il marmo a strisce??), le osservazioni dei bambini (la torre si chiama del Mangia perché è alta e mangia le nuvole??). E poi le disavventure di chi si perde, di chi s’innamora, di chi si veste in maniera improbabile, di disguidi buffi a causa di errori linguistici…

4 E un’esperienza invece da dimenticare?

Vorrei dimenticare quelle visite quando piove a dirotto e loro si rifiutano di entrare in un museo o di comprarsi un ombrello. Vorrei dimenticare quelle visite in cui c’è un “programma” o un “tempo da rispettare” e l’accompagnatore fa pressione ma i turisti fanno tutto il contrario di quello che ci sarebbe da fare. E soprattutto vorrei dimenticare quei turisti MOLTO ricchi che si approcciano al luogo e alle persone come fossero solo “cose da comprare”.

5 Quali sono le domande o gli atteggiamenti degli ospiti in visita che possono “mettere in crisi” o imbarazzare una guida, anche con esperienza?

L’arroganza, spesso dettata da una specie di complesso di inadeguatezza verso le cose nuove o che non si conoscono; il giudizio e il preconcetto su alcuni argomenti che toccano la sensibilità e l’identità. Un esempio eclatante a Siena è l’atteggiamento nei confronti del Palio.

6 Esistono o avete verificato alcuni stereotipi sulle caratteristiche dei turisti a seconda della loro provenienza?

Certamente ogni persona è diversa, ma credo sia frequente che il turista americano sia più aperto e informale, curioso anche se un po’ ignorante, il francese sia un po’ snob e sciovinista ( ma dipende anche da quale area della Francia proviene). Gli inglesi sono timidi e anche bizzarri, i tedeschi interessati, preparati ma rigorosi ( anche in questo caso ci son grosse differenze nelle diverse aree della Germania). Spagnoli e italiani sono simpatici ma rumorosi e indisciplinati ( italiani anche viziati), gli australiani curiosi e gentili come i canadesi. I giapponesi sono formali e incantevoli, i cinesi testardi e refrattari alle guide locali. Infine i turchi sono molto indisciplinati e condizionati dal capogruppo che è “il capo” assoluto.

Insomma sono i classici stereotipi che conosciamo, sì, appaiono inevitabilmente nel momento dell’esperienza del viaggio, nei confronti della novità, nella ricerca di vedere soddisfatte le loro aspettative e bisogni. Comunque tutti sono sempre più consapevoli ed esigenti, spesso ingabbiati negli stereotipi delle “immagini cartolina”. La cosa che mi piace di più è sorprenderli e trovare in ognuno di loro una “porta di accesso”. Non importa che sia colta o frivola, basta accorgermi che ho toccato qualche corda della loro curiosità, del loro interesse, che ho lasciato un motivo per saperne di più e ritornare, qualcosa che abbia dato ragione ai chilometri ,aerei e soldi investiti per quella esperienza che da casa, sui libri, sul web, non avrebbe potuto essere assolutamente la stessa.

20131108_132428

7 Come si conciliano gli aspetti tecnici di una città e quelli più leggeri? (shopping, pranzi ecc.) Se un ospite ha fretta di vedere tutto in poco tempo e poi infilarsi in un negozio lo assecondate o cercate di trattenerlo?

L’ospite si asseconda in maniera intelligente, ovvero si cerca un’empatia: si possono raccontare tante cose della città anche facendo shopping, anche meglio pranzando insieme. L’esperienza credo debba essere totale e sebbene delle volte sia frustrante dover rinunciare a trasmettere i contenuti in maniera “classica”, certe volte diventa necessario. L’ importante è vedere il momento della visita come un’opportunità di scambio e crescita fra diverse “persone” ( i turisti sono cittadini temporanei, non semplici consumatori o clienti). Se il tempo è limitato da aspetti logistici o tecnici allora avremo l’occasione di presentare quello che la visita potrebbe essere, quello che ancora ci sarebbe da fare e da vedere, da assaggiare e da conoscere, così da non bruciare quel momento trasformandolo in una frustrazione, ma piuttosto considerare la visita un investimento per ripetere l’esperienza in futuro, in maniera più completa.

8 Cosa fa di un ospite una persona speciale, di quelle che a fine servizio vi fa voglia di starci insieme più tempo?

Lo scambio tra persone che hanno da conoscere qualcosa di nuovo l’una dall’altra, anche la guida cresce nell’incontro e conosce attraverso gli occhi degli altri. Non sempre questo scambio può accadere, ma il valore della guida locale sta proprio nell’opportunità dell’interazione con qualcuno del posto o che comunque conosce il posto intimamente.

9 Si può diventare amici degli ospiti in visita? Può succedere di mantenersi in contatto anche dopo?

Certo! A me è capitato spesso, ho ricevuto un sacco di inviti, e poi il passaparola mi ha portato altro lavoro.

10 Consigliereste a un giovane di studiare per diventare guida turistica? SI – NO – Perché?

SI perché è un lavoro creativo, un lavoro che si rinnova ogni giorno, si continua a studiare costantemente, è stimolante e tiene aperta la mente al mondo, oltre che a sé stessi, parlare liberamente con chiunque, direttamente, in un istante, in tutte le lingue, è fantastico! Comunicare, conoscere, essere circondati dal bello e da persone che vogliono star bene, fa bene. NO perché è una professione misconosciuta, perché ha poco peso nel mercato e “conta” poco, perché è una professione precaria, soggetta ai cambiamenti di clima, dei mercati, delle mode, non ci sono garanzie né tutele, c’è una fortissima competizione e una concorrenza sleale. E’ faticosa dal punto di vista fisico e mentale, non conosce indennità di malattia, festività, diritti. Si fa la guida turistica, veramente, seriamente, per scelta, per passione, non è un ripiego, un dopolavoro, un hobby, non si improvvisa, non si bara.

Inoltre vi consiglio di leggere...

3 comments

Rispondi

Che bella intervista! non ho ancora avuto occasione di ritrovarmi Rita nelle visite guidate locali alle quali ho partecipato ma ho ben presente chi è. La chioma riccia e rossa non passa inosservata per le strade di Siena 🙂 Spero comunque che prima o poi mi capiti di seguire un suo tour.

Rispondi

ciao amina che bel commento. cheddici, se la paragonavo a fiorella mannoia rita si offendeva? sono così carine entrambe! ascolta se vengo giù prima di natale ti trovo al lavoro? hotel???

Rispondi

ahahaha
Penso proprio di sì, che mi troverai al lavoro quindi batti un colpo se vieni!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *