Emozionati e pensierosi dopo la visita della Corte Benedettina cambiamo completamente il tono della visita, inforcando scintillanti biciclette per una pedalata lungo l’argine destro del Bacchiglione, che ci ossigena tutto il corpo e ci mette in pace.

20141107_085353 20141107_085412 20141107_103212 20141107_104806

Intorno a noi ci sono solo il silenzio dei campi a riposo, qualche sparuto uccello e le galline (non le ciuffose galline padovane) nelle aie.

20141107_105027 20141107_105030 20141107_105444 20141107_105542

Potremmo pedalare per decine di chilometri in entrambe le direzioni, verso Padova o verso il mare…

20141107_105658 20141107_105549 20141107_110107 20141107_110301

ma purtroppo il nostro è solo un assaggio di ciò che significa una vacanza slow nella bassa padovana, che ci invoglia senz’altro a tornare magari nelle stagioni di mezzo.

20141107_111104 20141107_111311 20141107_111621 20141107_111625

Assaggio? A metà mattina finiamo la visita di Correzzola a Corte San Giuliano, un altro agriturismo impegnato nella produzione agricola e nell’ospitalità. 

20141107_111828 20141107_111744 20141107_111705 20141107_111657 20141107_111651 20141107_111639

Qui assistiamo alle attività artigianali degli anni passati, effettuate da personaggi in costume che riproducono così lavori come il calzolaio, la merlettaia, l’impagliatore di sedie eccetera.

20141107_11194820141107_112012 20141107_112023 20141107_112049 20141107_112111 20141107_112122

Vita d’Altri Tempi è una manifestazione itinerante organizzata dalla Pro Loco di Correzzola. Ma è anche tempo di assaggiare i prodotti tipici del luogo, con un pizzico di fame stuzzicata dalla breve pedalata. 

20141107_112407

20141107_112235 20141107_112245 20141107_112333 20141107_112348

Ai vicini vini DOC dei colli euganei si è affiancata la DOC Consorzio di tutela vini “Corti Benedettine del Padovano” prodotti dalle cantine locali, sia private (come Sansovino, Zennato, Corte delle Rose) sia riunite in cantine sociali cooperative come a Cavarzere e ConaSono vini semplici e di facile beva, sia i bianchi (non solo prosecco ma anche per esempio chardonnay, moscato, tocai) sia i rossi, i miei preferiti (cabernet, merlot e il “garbo” raboso).

20141107_112421 20141107_112446

Eppure alcuni viticoltori si sono impegnati ad arrotondarli ed evolverli con un buon lavoro in cantina che comprende brevi passaggi in legno, rendendoli sicuramente più rotondi e gradevoli ma, per me, anche meno caratteristici rispetto a quanto il palato si aspetta da un vino veneto. Opinione, anzi gusto personale. Crostini di pane con zucca o radicchio, salame di casa, miele e melata dei produttori locali ci saziano, e siamo pronti per salire sul bus.

20141107_113448 20141107_113453 20141107_115105

Sostiamo brevemente all’Oasi di Ca’ di Mezzo dove si pratica la fitodepurazione, un’altra vera oasi di pace e silenzio dove però nelle stagioni della migrazione degli uccelli ci dev’essere tutto un pullulare di vita, vegetale e animale.

20141107_122427 20141107_122306 20141107_122224 20141107_12200420141107_121946 20141107_121937

Dovremmo arrivare a Pontelongo col bus per imbarcarci alla volta di Chioggia, ma il fiume Adige è così ingrossato dalle forti piogge che non possiamo salpare e siamo dirottati su Cavanella d’Adige.

20141107_121915 20141107_121855 20141107_121841 20141107_121829In poco più di due ore di tranquilla navigazione vediamo cambiare il paesaggio di fronte a noi da fluviale a lagunare, né fiume né mare, né acqua dolce né salata.

20141107_130128 20141107_130220 20141107_130238 20141107_130335

Gli spazi sono sempre più aperti e passano sulle nostre teste alcuni rappresentanti dell’avifauna, ancora presente nonostante siamo a novembre. Oltre ai cocai, gli onnipresenti gabbiani, vi sono palmipedi come anatre e germani, trampolieri come garzette e varie specie di aironi.

20141107_130404 20141107_131727 20141107_131739 20141107_131741 20141107_131746

Tra una foto e l’altra mi ronza in testa una delle mie poesie preferite, San Martino di Giosuè Carducci, che a un certo punto recita Stormi d’uccelli neri – Com’esuli pensieri – Nel vespero migrar.

20141107_131817 20141107_131847 20141107_131852 20141107_132010 20141107_132036

Altro che “Stormi d’uccelli neri”, al massimo vedremo due folaghe e un airone cenerino ma non i bellissimi stormi che ogni anno, a novembre, passano sui nostri cieli mentre migrano verso altri cieli. L’undici novembre, il giorno di San Martino, cadrà la prossima settimana quindi il periodo è giusto, e appena rientrata a Milano ne ho conferma, ma ne parlerò in un post dedicato.

Siamo sulla Delta Patavium, una comodissima motonave Deltatour, di quelle che percorrono il fiume Po da Venezia fino a Mantova in una crociera di una settimana (con cabine a bordo e capacità di 160 passeggeri), ma anche il fiume Brenta da Padova a Venezia per ammirare le ville venete, le piccole isole di Burano, Murano e Torcello, belle forse più di Venezia.

Il ponte di accesso a Chioggia è alla nostra sinistra, affollato di auto e camion, la SS 309 Romea è la brutta strada che collega Venezia a Ravenna, con un traffico sempre intenso e un tasso d’incidenti pazzesco.

20141107_142717 20141107_142721 20141107_142731 20141107_142755 20141107_142812

Noi entriamo via acqua nella città chiamata “piccola Venezia” quasi senza accorgercene, finché dopo avere oltrepassato Conche e Brondolo (sede del grande mercato ortofrutticolo) siamo circondati dai palazzi caratteristici e dalle barche dei pescatori chioggiotti, sempre al lavoro.

20141107_142826 20141107_142832 20141107_142940

Ci siamo forse distratti? Forse sì, tra una foto e una chiacchiera ci viene allestito un pranzo di pesce, a bordo, davvero coi fiocchi. A parte un buffet smisurato per iniziare ricordo solo l’inizio e la fine del pasto, con alici marinate, gamberetti, sarde in saor, gli antipasti, e un branzino fritto con patate al forno che mi ricordo ancora. Il tutto innaffiato da un vinello bianco che va giù che è un piacere.

20141107_142954 20141107_143011 20141107_143024 20141107_143641

Mi ricordano una cosa a cui non avevo mai fatto caso, la fama dei chioggiotti di essere gente litigiosa tanto che Carlo Goldoni dedicò loro una delle sue commedie più famose, le Baruffe Ciosote. In realtà credo si tratti di persone tranquille col cuore grande che, come la maggior parte dei veneti, ha solo bisogno di tempo per aprirsi all’altro. Per questo il basso Veneto andrebbe assaporato piano piano, un po’ alla volta, come il delizioso pranzo di pesce che abbiamo appena consumato.

Ti è piaciuto questo post? Allora leggi anche gli altri, li trovi qui:

Turivers14, tra acque dolci e acque salate, Novembre 2014

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *