Fare dei bilanci prima della fine dell’anno è pericoloso ma oggi necessario. Ho aspettato due mesi dal TTG e TBDI di cui sono stata ospite pagante a Rimini, mesi in cui ho metabolizzato ciò che ho visto, ho aspettato, osservato, vissuto la mia vita di travelblogger parallela alla vita reale per vedere cosa succedeva. Scrivo con orgoglio che il mio bilancio è positivo. Pur essendo sempre Freelance per scelta di altri e su questo non c’è nulla da ridere anche se è una situazione on – off da anni, ho sviluppato una serie di impegni che in qualche modo mi sostengono, e che in futuro dovranno sostenermi di più, spero. Avventura. Emozione. Curiosando sull’ultimo ABC scopro con piacere che questi termini ricorrono sempre. Routine e tranquillità invece sono assenti come sempre. Buona lettura.

laoscs4

ABRUZZO – D’Annunzio sarà sempre di più il sottofondo dei miei viaggi. Tempo di migrare e, dopo un favoloso Abruzzo Instarail tempo di tornare, prestissimo, magari per praticare lo sci di fondo sulla Majella.

APPLAUSI – l’importante è partecipare dicono? Tutte balle, l’importante è vincere. The winner takes it all cantavano gli Abba, e vi assicuro che salire su un palco tra gli applausi sinceri di un pur sparuto pubblico è una grande emozione, perché vincere il premio letterario InWebWeTravel per (e grazie al) mio blog di viaggi è stato bellissimo. Il resto si trova alla voce Roma.

ASIA – è ancora il mio continente preferito di cui non mi stancherò mai.

AVVENTURE – sto per diventare maggiorenne, 18 anni con Avventure nel mondo, 18 (spero) viaggi coordinati. Mi pare ieri che aprivo il libro dei viaggi e cercavo una meta per le ferie estive, era il 1997 e avevo 29 anni. Giamaica fu e non era la prima scelta. Un post svelerà alcuni aneddoti e racconterà il mio rapporto con ANM.

BANDIERINE – ho messo finalmente Cambogia e Laos nella mia mappa, Paesi n 70 e 71. Ora in cima alla lista dei desideri ci sono sempre Birmania, Etiopia, Iran, ma quando il destino si mette di traverso è meglio non insistere.

BASILICATA – vedere Italia.

CAMBOGIA – non solo le meraviglie di Angkor, ma tanta voglia di tornarci con un viaggio dedicato che me ne faccia vedere tutto il possibile anche perché in quattro giorni, dopo la parte in Laos, di più non si poteva fare.

DOVE STARE? Domanda legittima ma, alla fine di un anno sul filo tra speranze e delusioni, senza risposta.

EMOZIONE – ho scoperto che è il cuore dell’attività di ogni bravo blogger, ma le E in realtà sono cinque…

FIRENZE – vedere Toscana.

GAMBERETTAROSSA – è proprio vero, la mia vita a volte va indietro, non in avanti. Gamberettarossa è il nome più azzeccato per il mio blog di viaggi. Quando lo farò in inglese posso chiamarlo Little Red Shrimp?

INDIA – ci vado o non ci vado? Pare che il mio viaggio di natale, il terzo nella terra dei Maharaja, sia confermato ma che fatica! Seguono info dettagliate su un tour bellissimo e in sé meno faticoso del previsto che si svolgerà tra Kolkata, Darjeeling e Gangtok capoluogo del Sikkim, con in mezzo le pianure del West Bengala e lungo confine con il Bangladesh. Che meraviglia! Per le notizie contrastanti su questa nuova avventura e per i problemi quotidiani da risolvere, in questi giorni mi sono sentita anche INDaffarata. INDeterminata. INDignata. INDolente. INDustriosa. E ora vediamo che succede.

ITALIA – in programma nel 2015 c’è la posa di bandierine nelle punte estreme: Valle d’Aosta, Liguria, Sicilia, Sardegna, Puglia, Basilicata. Perché tutta l’Italia è una meravigliosa scoperta.

LAOS – dieci giorni di viaggio in agosto mi hanno fatta nuova, anche perché ero in ottima compagnia.

LIGURIA – vedere Italia.

LIKE (COME) MIPIACE – ho imparato che la qualità dello scrivere e i contenuti mi interessano mooolto più della quantità dei commenti e vari mipiace. Quindi non parteciperò mai più a contest che prevedano questo parametro per la scelta dei vincitori. Tanto i like, come le recensioni (positive e negative) del gufo e dintorni si comprano. Facciamocene una ragione.

LOMBARDIA – MILANO – amo sempre questa città ma con gli avanti / indietro e alti / bassi di quest’anno ho cercato di averci un rapporto più equilibrato che nel passato. L’importante è che ci siano le mie amichette.

NEGAZIONI – quante risposte negative ho sentito quest’anno alle mie domande. Più positività e tanti SI. Questo voglio sentire nel 2015!!

ORA – vedere qui e ora.

PUGLIA – vedere Italia.

QUI – qui e ora, carpe diem, com’è difficile vivere alla giornata con una visibilità ridotta. Ce l’ho fatta finora ma son sempre più stanca e mi sento invecchiare con le cose e le persone che mi sfuggono dalle mani. Brutta sensazione.

ROMA – essere a Villa Celimontana a Roma in una calda domenica di fine settembre, dormire nella foresteria dell’Accademia dei Lincei, stringere le mani ad amici e scrittori che mi hanno anche fatto l’autografo sul loro libro. Insomma, cosa volere di più? Un lucano! Infatti ho vinto un fine settimana in Basilicata, il mio soggiorno premio è pronto da godere nella primavera del 2015. Il contest per blogger di viaggio quest’anno è stato mio, ho vinto. Sono tornata dopo due anni nella capitale, nel 2012 ero scesa per andare a Uno Mattina (estate, in versione vacanziera) a parlare del baratto con le mie conserve. Matera (capitale della cultura 2019) arrivo!

SARDEGNA – una scoperta così bella che vorrei ripeterla nel 2015.

SICILIA – vedere Italia.

TOSCANA – poca roba quest’anno, nulla in confronto al 2013 quando avevo il laboratorio sotto Firenze e ci andavo tutti i mesi. Ci sono stati comunque dei graditi ritorni a Firenze e dintorni, Lucca, Arezzo. E nel 2015 chissà.

TRENTINO ALTO ADIGE – sinteticamente: che bella la Val Pusteria e… Trento arrivo!

UNO – come speravo di mettere la parola DUE nell’ABC del 2013 ora rivoglio il mio uno. Lo spazio che mi manca e che nel 2014, scientemente, mi son tolta per fare esperienze di condivisione e convivenza nuove, interessanti e utili. Ho tanto imparato su di me e sugli altri, ora però questi spazi mi sembrano stretti, nuovamente. Che fare?

VALLE D’AOSTA – vedere Italia.

VENETO, VENEZIA – quest’anno ho scoperto angoli semisconosciuti della mia regione d’origine (BL, PD, TV, VE) e ne vado fiera. Spero di completare le esplorazioni soprattutto nelle province di Rovigo e Verona che conosco poco.

ZINGARATE 2014 – nell’anno che volge al termine ho potuto più volte sperimentare il piacere di partire dall’oggi al domani con le amiche per andare a curiosare, anche vicino a casa, in luoghi che si son sempre rivelati belle scoperte! Biella a gennaio, Ozzero (MI) a marzo, Lucca a luglio e non solo. Perché l’importante è partire.

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *