La torre dell’acqua (Wasserturm in tedesco) su cui saliamo alla fine della visita di Luneburgo è un bell’edificio, costruito nel 1907 in stile neogotico dall’architetto Franz Krüger, laddove sorgeva un bastione medievale. Si trova in Ratsmühle. Con i suoi 55 metri d’altezza è l’edificio civile più alto della città. Fino al 1985 è stata utilizzata come riserva idrica: aveva infatti una cisterna di 500.000 litri e tutte le attrezzature necessarie per il monitoraggio e gestione dei prelievi idrici quali filtrazione e depurazione.

Dopo la sua dismissione la municipalità si scontrò con l’elevato costo della possibile demolizione e con le proteste dei luneburghesi che non solo impedirono tale operazione, ma a partire dal 1998 ne stimolarono la rinascita. Nacque così un’associazione dedicata, e il restauro della Wasserturm fu brillantemente completato dopo Expo Hannover nell’anno 2000.

Costruita in mattoni rossi, gli stessi di molte case medievali del centro, ha una forma curiosa: un cubo di 18 metri di lato, sormontato da un cilindro sorretto da colonne che ospita la cisterna.

DSC_6053

DSC_6037 DSC_6038

Oggi si può visitare tutti i giorni anche per vedere la città dall’alto, quel che vogliamo fare noi. Al nostro arrivo troviamo un’auto elegante e fiori ovunque, statuine vestite di rosa e azzurro in cartapesta; al primo piano si sta celebrando un matrimonio civile. Curioso no?

20150606_145833

Saliamo in ascensore e da lassù, a quasi 60 metri d’altezza, vediamo Luneburgo tutta vestita di rosso, quello dei tetti oltre che delle case, con i campanili delle chiese e le colline che la circondano. Amburgo dovrebbe essere visibile in quanto dista meno di 50 chilometri ma il cielo si sta rannuvolando ed inizia persino a piovere.

DSC_6051 DSC_6050 DSC_6049 DSC_6048

Dopo le foto di rito scendiamo a piedi, passando per i piani intermedi dove si spiega la storia della torre quand’era in funzione. L’utilizzo consapevole dell’acqua è il filo conduttore dell’esposizione, anche con funzione didattica, secondo i principi dell’Agenda 21. Mi diverto a giocare con le manovelle e alle postazioni interattive ma ci capisco poco perché le didascalie sono solo in tedesco. Peccato. In compenso ora vedo che sul sito web accanto alle ricche informazioni in tedesco, vi sono tre piccole sezioni in inglese, francese e… italiano. Ho scoperto anche l’esistenza di molte altre torri dell’acqua e non vedo l’ora di visitarle, quelle in Germania come Berlino e Mannheim ma anche per esempio Lucerna e Vienna.

DSC_6045 DSC_6042 DSC_6041 DSC_6040

Donazioni e fondi sono serviti per il restauro della Wasserturm di Luneburgo, che ha impiegato una cinquantina di disoccupati di lungo periodo. Oggi la torre impiega undici persone, utilizza gli incassi dei biglietti e degli eventi per la sua manutenzione. Questo è uno spaccato della storia della bella Luneburgo e un ottimo esempio di archeologia industriale che, guarda caso, è nata proprio in Germania.

Ti è piaciuto questo post sulla Germania del Nord? Allora leggi anche gli altri, li trovi qui:

Germania del Nord, giugno 2015

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *