Carissimo papà,

oggi sarebbe il tuo compleanno ma tu non sei qui con noi. Ci guardiamo intorno smarriti e ne parliamo sottovoce con i parenti che ci salutano, ricordando insieme a noi questa data, prima bella ora brutta.

Oggi è il primo 17 aprile senza di te, tra un mese sarà il mio compleanno e sarà senza di te poi tra due mesi si chiuderà il cerchio di un anno senza di te. Un anno faticoso e brutto anche se qualche raggio di sole si vede finalmente nel nostro cielo. Un cielo che quando è azzurro mi ricorda sempre i tuoi occhi, quelli che hai dato a me mentre Claudia ha preso gli occhi dalla mamma.

Un anno di fatiche dolori e lutti, ma anche di nuove relazioni, di maggiore unione con la famiglia e le persone, una volta selezionate quelle da tenere dentro le mura degli affetti. E quelle da lasciar fuori, tante, a crogiolarsi nei propri problemi. Quelle che non capiscono e non si interessano. Quelle che non sanno cosa dire e che mettono valori diversi, i loro, davanti a tutto e tutti.

Oggi andiamo a votare, ricordo perfettamente la prima e l’ultima volta che siamo andati a votare insieme.

Trent’anni fa mi portasti al seggio per le politiche, dandomi le istruzioni tecniche e soprattutto un’indicazione di voto. Non la scriverò qui perché potrebbe essere fraintesa ma la ricordo così bene che la ritengo ancora valida nonostante tutto sia cambiato intorno a noi. Un anno fa andammo alle amministrative in bici e trovammo varie persone amiche al seggio, con cui chiacchierammo animatamente. Chissà chi troverò oggi al seggio. Grazie per avermi insegnato i valori in cui credo e che spero rimarranno, anche dopo di me.

Considero ancora la tua una morte ingiusta perché c’era tanto da fare e da vivere insieme, ma quante persone sono salite in cielo con te dallo scorso giugno? Quante morti ingiuste ci sono state? Tu sai chi c’è ora in cielo vicino a te mentre noi, quaggiù, siamo sempre un po’ più poveri e soli. State vicini, sostenetevi, giocate a carte, camminate. Questo mi auguro per te e per voi lassù.

20150419_123018

Noi (io Mamma e Claudia) siamo fortunate sai papà, ti abbiamo avuto vicino fino all’ultimo e per grande che sia stato lo strappo della tua morte, viviamo nel ricordo di quello che eri. Il papà più bravo e più buono del mondo. In questi giorni ho rivisto le nostre foto di aprile, insieme. In campagna la scala fiorita c’è ancora, con il glicine azzurro e profumato, era così bello, quante foto ci siamo fatti su quella scala. Ora è tutto diverso ma la mamma ha ragione, non possiamo vivere di soli ricordi. Dobbiamo guardare avanti. Il ricordo di te è fortissimo, la tua presenza silenziosa segna le nostre giornate e spesso anche le mie notti quando vieni a trovarmi e a indicarmi la via. La vita continua ma quanto ci manchi. Tanti auguri papà, ovunque tu sia.

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *