Direttamente dal Piemonte, terra di grandi vini, di persone schive e allo stesso tempo orgogliose, oggi leggiamo la storia di Marcarini, una cantina storica delle Langhe che frequentavo una decina di anni fa quando visitavo i produttori di vino per parlare di analisi e strumenti. Che bella iniziativa, grazie! Questa è la prima risposta di Valeria assieme a risposte a volte articolate, a volte asciutte ma sempre incisive. Da Marcarini oltre ad assaggiare il vino a La Morra si può alloggiare, a Neviglie per la precisione, dove la famiglia ha ristrutturato un’antica cascina ricavandone sei stanze diverse per le diverse esigenze degli ospiti. Io ho molta voglia di tornarci e voi? Buona lettura e… Arrivederci a presto! 

1 Chi sei – dove ti trovi? Raccontaci qualcosa di te e del tuo vino.

Noi siamo Azienda Agricola Poderi Marcarini di La Morra, una delle cantine storiche della zona, in pista da ormai sei generazioni! Siamo maggiormente conosciuti come produttori di Barolo (Brunate e La Serra) e possiamo vantare una bella panoramica in generale per i vini piemontesi: Langhe e Roero ma anche Roero Arneis, Dolcetto d’Alba, Barbera d’Alba, Langhe Nebbiolo, Moscato d’Asti, Barolo Chinato.

2 L’arte di fare il vino nasce nella vigna e si sviluppa in cantina. E poi cosa c’è dietro un grande vino?Passione e dedizione.

3 Come è cambiato il vino, e come è cambiato il tuo lavoro negli ultimi anni? La tecnologia è uno strumento necessario o si può farne a meno?

Questo è un lavoro in continua evoluzione. La tecnologia è diventato uno strumento necessario, bisogna trovare un buon equilibrio con la tradizionale maniera di fare il vino.

4 Raccontaci una bella esperienza e un brutto episodio legati al tuo lavoro di vignaiolo.

Sicuramente la vendemmia è sempre un buon momento, un bel ricordo e una grande occasione per stare insieme, stringere i denti e lavorare con la natura. Certo è che, lavorando con la natura, si possono avere anche brutte sorprese: una grandinata ad esempio può diventare un brutto ricordo.

5 Fare il vino significa anche uscire dall’azienda per far conoscere le persone e il territorio “dietro” una bottiglia. Dove porterai il tuo vino nei prossimi mesi?

Sicuramente negli Stati Uniti, il nostro mercato più importante assieme a Germania, Francia, Svizzera, Norvegia, Finlandia e Cina. La valigia è sempre pronta insomma!

6 E’ possibile visitare la tua cantina? E dove possiamo assaggiare il tuo vino?

La nostra cantina offre la possibilità di effettuare tour con degustazione dei vini, delle nostre nocciole e del miele. Il tutto è gestito dal nostro Wineshop sito in via Umberto I, 34 a La Morra. E’ il luogo ideale per gustare un buon calice di Barolo, fare due chiacchiere e godersi la meraviglia dei prodotti offerti dal nostro territorio. Il negozio è collegato alle nostre antiche cantine tramite un passaggio “segreto” che condurrà l’ospite in un mondo da scoprire.

7 Una piccola provocazione: se fossi ministro dell’agricoltura cosa faresti per agevolare il lavoro del vignaiolo?

Permetterei al vignaiolo di concentrarsi di più sul prodotto, nel nostro caso il vino e ovviare a tutta quella lunga e intricata burocrazia.

8 Consiglieresti a un giovane di fare il vignaiolo? SI – NO – Perché?

Assolutamente sì! E’ un lavoro stimolante e faticoso allo stesso tempo ma che da TANTE soddisfazioni!!Grazie ancora e buona giornata!

Per saperne di più:

http://www.marcarini.it/it/

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *