Il radicchio di Treviso e il variegato di Castelfranco sono indicazioni geografiche protette IGP che crescono con il clima freddo dei mesi invernali e vengono immesse sul mercato proprio da novembre. Sono chiamati rispettivamente il fiore d’inverno e il fiore che si mangia, grazie alla loro bontà e alla loro bellezza li possiamo assaggiare sulle tavole di tutto il mondo, dove accompagnano primi e secondi piatti prestigiosi ma anche dessert invitanti e innovativi. Nei ristoranti del radicchio lo sanno, proprio per questo a partire dalla prossima settimana e fino a tutto il mese di febbraio 2018 proporranno i menu ricercati degli chef con abbinamenti che esaltano la cucina del territorio e la stagionalità. Lunedì prossimo, il 13 novembre, proprio a Castelfranco inizierà la rassegna I ristoranti del Radicchio a tavola con i fiori d’inverno e si svolgerà in due momenti distinti al Teatro Accademico e all’hotel Fior. Alle ore 18 il teatro ospiterà la cerimonia di premiazione del Radicchio d’oro 2017, il riconoscimento che da quasi vent’anni premia alcuni protagonisti locali e nazionali della scena culturale, sportiva ed enogastronomica. Quest’anno tra i vincitori ci sono Altan, Christian de Sica, Vincenzo Mollica e la Reyer Venezia, campione d’Italia nel basket. La serata di festa proseguirà con una cena di gala all’hotel Fior, che patrocina da sempre questa manifestazione, con una madrina d’eccezione: Miss Italia 2017, Alice Rachele Arlanch.

 

 

Ho avuto il piacere di partecipare all’anteprima della rassegna, che si è svolta mercoledì scorso a Treviso, presso il BHR Hotel trasformato per l’occasione in un salone delle feste con tante prelibatezze, musica e ospiti. Per tutta la serata hanno, o per meglio dire abbiamo girato attorno, letteralmente, all’isola del gusto posta al centro del salone, un modo straordinario di avvicinarci ai protagonisti della serata. L e persone che mentre ci servivano i loro piatti e i loro vini ce li raccontavano dal vivo, permettendoci un dialogo e una conoscenza reciproca che difficilmente si ottiene in queste cene. Formale e informale al tempo stesso, la serata intitolata Dieci chef per dieci vini ha visto oltre alle eccellenze del Trevigiano la presenza di due gioielli dell’Italia centrale: il tartufo e l’olio DOP dell’Umbria in un gemellaggio che ci ha avvicinati alle popolazioni colpite dal terremoto dell’agosto 2016. in ciascuna delle isole del gusto si potevano assaggiare un piatto con radicchio di Treviso IGP e uno con radicchio variegato di Castelfranco IGP, abbinati a un vino presentato dagli stessi produttori. Era dunque possibile assaggiare bollicine, vini bianchi e rossi italiani, più una proposta dal Burgenland in Austria. Ho preferito il risotto al radicchio e tartufo nero, ma pure la tempura di radicchio, la polenta e schie. Se devo fare solo un piccolo appunto al menu ho trovato una presenza dominante di carne, tendenza che i nostri ristoratori continuano per tradizione ma che personalmente ritengo inadeguata ai tempi. La carta dei ristoranti dovrebbe avere sempre più proposte vegetariane per venire incontro alle esigenze dei propri ospiti, confido che questa strada si intraprenda al più presto, anche in queste occasioni. A fine serata è arrivato il tiramisù, un altro protagonista di Treviso che nei giorni scorsi è stato lungamente festeggiato. Ma purtroppo ero già sulla via del rientro e dovrete chiedere com’era agli altri commensali…

 

Ringrazio sentitamente l’animatrice instancabile di questa bellissima serata, l’anfitrione che ha presentato i premiati assieme alla direzione dell’hotel che ci ha ospitati. Cristiana Sparvoli ha fatto un grandissimo lavoro per organizzare la rassegna e l’ha resa una grande occasione di incontro. Mi ha fatto sedere al tavolo con produttori di vino, giornalisti e blogger accomunati per lavoro e per passione dal nostro bellissimo territorio. Perché come dico sempre le persone fanno la differenza, e quando le persone ci mettono la faccia sono i testimonial migliori del loro lavoro.

Per saperne di più:

 http://www.marcadoc.com/ristoranti-del-radicchio-vincitori-radicchiodoro-2017/

 http://www.radicchiodoro.it/

 http://www.ristorantidelradicchio.it/

 

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *