Venerdì 17 giugno torna l’evento che ha visto migliaia di partecipanti lo scorso anno, sempre a fine giugno, trascorrere insieme alcune ore immersi tra le colline patrimonio UNESCO. Il Prosecco è ovviamente il filo conduttore di Conegliano Valdobbiadene Experience, la kermesse che per 10 giorni, fino a domenica 26, porterà tanti appassionati a scoprire o riscoprire questi luoghi affascinanti.

guia

Ma non pensate di venire qui solo per bere. E non solo vino (c’è anche la birra da assaggiare)! Potete scegliere itinerari slow in bici, a piedi e a cavallo.

Esperienze più “comode” ma non meno divertenti come picnic o giri in vespa.

Visite guidate per fare il pieno di cultura.

Potete anche indulgere nel lusso (se dico ostriche cosa vi viene in mente?).

E ovviamente avrete tanto buon cibo da assaggiare, a km zero o quasi.

degustazione

Conegliano Valdobbiadene Experience è organizzato da Associazione Strada del prosecco e vini dei colli Conegliano Valdobbiadene, la prima Strada del Vino nata in Italia oltre 50 anni fa. Per sapere come funziona basta andare sul sito, cercare l’esperienza che fa per voi e prenotare. I costi sono molto variabili da pochi euro in su, e c’è qualcosa di gratuito con cui possiamo avvicinarci alle colline del Prosecco senza spender soldi, per poi magari comprare qualche buona bottiglia di vino da portare a casa. Vi consiglio di vedere il programma, nel frattempo vedete cosa ho fatto io un anno fa. Ben due camminate, una di giorno fra le vigne di Canello a Guia di Valdobbiadene. Una di sera all’eremo di San Gallo sopra Farra di Soligo.

eremo san gallo

Sono state giornate spumeggianti nelle terre del Prosecco e sono felice di averne approfittato, nel mio piccolo, per esplorare, camminare, assaggiare. E conoscere piccoli vignaioli coraggiosi, o eroici come si dice qui.

Poi vi dico cosa ho in mente per quest’anno. E non fate come me che sono arrivata agli ultimi giorni.

Per saperne di più: https://www.coneglianovaldobbiadenexp.it/

PERCORSI DIVINI TRA LE VIGNE – CANELLO

A Guia di Valdobbiadene ho conosciuto Andrea Canello, un piccolo produttore che con sei ettari di terreno vitato produce diversi tipo di Prosecco. Li ho assaggiati quasi tutti, anche quello fermo che non so a voi, ma a me piace tantissimo.

andrea canello

Non solo, ho provato pure la Grappa e una chicca, il vino passito, con un bellissimo nome a me assai familiare.

Faustino è il santo patrono dei single no? Il mio santo. Faustino era il papà di Andrea Canello e a lui il vino è dedicato. Peccato non avere approfondito gli altri vitigni autoctoni come Bianchetta. Perera. Verdiso. Forse solo quest’ultimo ha acquisito un po di fama negli ultimi anni. Un successo di ritorno dopo le glorie passate.

vini canello

Le passeggiate in vigneto sono state fra le esperienze più gettonate della stagione estiva 2021, non solo per Conegliano Valdobbiadene Experience e non solo per garantire ampi spazi e distanze di sicurezza. Che c’è di meglio infatti che vedere dove nasce un prodotto e un vino, a partire dalla terra?

A Guia di Valdobbiadene, prima di bere, abbiamo camminato un’ora fra le colline tra le vigne, su pendii scoscesi con una vista suggestiva attorno a noi, che le immagini rendono solo in parte. Mi sono divertita e rilassata!

Il territorio è importante, quanto e forse più del vino. Il piccolo borgo di Guia, dove spicca su tutto il campanile della chiesa, ha tutto attorno dei punti di devozione religiosa. Presso la cantina c’è una chiesetta con un affresco del Quattrocento, appena scoperto e restaurato, raffigurante la Madonna col Bambino.

selfie

Ringrazio Andrea Canello e la sua famiglia, moglie e tre figli che presto prenderanno le redini dell’azienda. E mando una carezzina al cane Zoe “labradorina” nera. La loro è stata un’ospitalità genuina, come (oltre al vino) i prodotti abbinati ai vini in degustazione.

Cose semplici ma squisite come pane fresco fragrante. Soppressa e formaggio Asiago a diverse stagionature.

Per saperne di più: https://www.canello.com/

EREMO DI SAN GALLO – FARRA DI SOLIGO

Un venerdì sera speciale: così voglio riassumere la salita all’eremo di San Gallo, cullati da parole e musica, con nuovi amici e la Patty di Sui Colli Tour con cui ho fatto una bella chiacchierata di persona, finalmente.

lettura poesie di andrea zanzotto

Ho trovato l’evento sulla locandina di Farra che estate, in seno alla Conegliano Valdobbiadene Experience, mi sono iscritta e via! Il titolo “Passeggiata letteraria sulle orme di Andrea Zanzotto” era così invitante che non potevo mancare.

Ho raggiunto una trentina di camminatori con cui alle ore 20,30, alle prime luci della sera, abbiamo camminato su fino alla chiesetta sui sentieri tra le vigne. La salita è stata dolce e piacevole, un po’ di pioggia non ci ha fermati, anzi ha rinfrescato l’aria. E la piacevolezza era dovuta soprattutto alla lettura di brani zanzottiani.

farra di soligo

Nel centenario di Andrea Zanzotto, infatti, questo era solo uno dei molti eventi previsti nella sua terra, tanto amata e tanto trasformata, non sempre per il meglio, dai suoi tempi. Ne ha scritto molto, spesso inascoltato, finché oggi ci siamo resi conto che aveva ragione. Magari siamo ancora in tempo per porre rimedio ad alcuni errori del passato, chissà.

Il setting particolare e la bravura dei protagonisti (Rossella De Vido al violino. Fabio Dalla Zuanna alla voce) hanno fatto il resto. Una bellissima serata! Ringrazio La chiave di Sofia per l’organizzazione e saluto la Patty che finalmente ho conosciuto (dopo anni di messaggi su Instagram).

Ti è piaciuto questo post su Treviso e il Veneto? Allora leggi anche gli altri, li trovi qui:

http://www.gamberettarossa.it/it/myselfsudime/bentornata-a-nordest/

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *